La Fondazione
 
La Fondazione Annamode è stata costituita con lo scopo di diffondere la cultura della moda e del costume, dell’alto artigianato e del Made in Italy.
“Un’occasione di salvaguardia di quella tradizione italiana che, nel giro di un secolo, ha conquistato lo scenario mondiale su diversi fronti produttivi e culturali, unita alla volontà di stimolare e creare linfa vitale per l'innovazione creativa e tecnologica nell‟ambito della Moda, del Costume, dell‟Arte e, più in generale, della Cultura.”
Simone Bessi
Fondazione Annamode
Fondazione Annamode
Fondazione Annamode
Fondazione Annamode
Archivio
 
L’archivio rappresenta un insieme di beni caratterizzati da un intrinseco valore storico e culturale, oltre che economico, da salvaguardare e condividere con la collettività per fini pubblici e di interesse generale.
Fondazione Annamode
Annamode Costumes
 
Annamode Costumes è riconosciuta tra i professionisti dello spettacolo come una delle più importanti sartorie cineteatrali. Continui investimenti in ricerca e sviluppo garantiscono a costumisti, produttori, registi la massima qualità, velocità di realizzazione e consultazione di “eCostumes” il primo magazzino online.
Dove un attore diventa personaggio.
Dal 1950 Annamode ha partecipato alla realizzazione di centinaia e centinaia di film che sono impossibili da elencare tutti tra i quali però ricordiamo "Matrimonio all’Italiana” di De Sica, “Rocco e i suoi fratelli” di Visconti, “Le Streghe” di Pasolini" “Il piccolo diavolo” di Benigni, “Marie Antoinette” di Sophia Coppola per citarne solo alcuni vestendo attrici ed attori del calibro di Liza Minnelli e Ingrid Bergman in “Ninà (A matter of time)”, Maria Schell in “Le notti bianche”, Charlotte Rampling in “Il portiere di notte”, Scarlett Johansson e Helen Hunt in "A good woman".
 
La Fondazione
 
La Fondazione Annamode è stata costituita con lo scopo di diffondere la cultura della moda e del costume, dell’alto artigianato e del Made in Italy.
“Un’occasione di salvaguardia di quella tradizione italiana che, nel giro di un secolo, ha conquistato lo scenario mondiale su diversi fronti produttivi e culturali, unita alla volontà di stimolare e creare linfa vitale per l'innovazione creativa e tecnologica nell‟ambito della Moda, del Costume, dell‟Arte e, più in generale, della Cultura.”
Simone Bessi
 
Fondazione Annamode
Fondazione Annamode
Fondazione Annamode
 
Archivio
 
L’archivio rappresenta un insieme di beni caratterizzati da un intrinseco valore storico e culturale, oltre che economico, da salvaguardare e condividere con la collettività per fini pubblici e di interesse generale.
 
Fondazione Annamode
 
Attività
 
 
Fondazione Annamode
Fondazione Annamode
 
Annamode Costumes
 
Annamode Costumes è riconosciuta tra i professionisti dello spettacolo come una delle più importanti sartorie cineteatrali. Continui investimenti in ricerca e sviluppo garantiscono a costumisti, produttori, registi la massima qualità, velocità di realizzazione e consultazione di “eCostumes” il primo magazzino online. Dove un attore diventa personaggio.
Dal 1950 Annamode ha partecipato alla realizzazione di centinaia e centinaia di film che sono impossibili da elencare tutti tra i quali però ricordiamo "Matrimonio all’Italiana” di De Sica, “Rocco e i suoi fratelli” di Visconti, “Le Streghe” di Pasolini" “Il piccolo diavolo” di Benigni, “Marie Antoinette” di Sophia Coppola per citarne solo alcuni vestendo attrici ed attori del calibro di Liza Minnelli e Ingrid Bergman in “Ninà (A matter of time)”, Maria Schell in “Le notti bianche”, Charlotte Rampling in “Il portiere di notte”, Scarlett Johansson e Helen Hunt in "A good woman".
 
Fondazione Annamode
  • La Fondazione Annamode

    La Fondazione Annamode

    Le sorelle Allegri, fondatrici della storica Sartoria Cineteatrale Annamode, hanno costituito nel tempo un prezioso patrimonio, un insieme di beni caratterizzati da un intrinseco valore storico culturale, oltre che economico, da salvaguardare e condividere con la collettività per fini pubblici e di interesse generale.
     
    Il patrimonio è composto da una collezione di abiti autentici dalla metà del 700 al 1980, da una collezione di abiti creati per famosi protagonisti del cinema e del teatro in film ed opere divenuti celebri al grande pubblico, accessori-moda di 50 anni di storia del costume, disegni di modelli/bozzetti/carta-modelli, locandine cinematografiche originali e infine testi, riviste e documentazioni sulla moda ed il costume.
     
    La Fondazione nata nel 2010  parte dalla conservazione e valorizzazione del patrimonio accumulato nel corso della sua storia, promuovendo iniziative ed attività culturali idonee a favorirne la conoscenza, nel mondo.  Nel 2014 ottiene il riconoscimento giuridico nazionale.
     
    Un’occasione, quindi, di salvaguardia di quella tradizione italiana che, nel giro di un secolo, ha conquistato lo scenario mondiale su diversi fronti produttivi e culturali, unita alla volontà di stimolare e creare linfa vitale per l’innovazione creativa e tecnologica nell’ambito della Moda, del Costume, dell’Arte e, più in generale, della Cultura.
     
    La conservazione e manutenzione  dell'archivio, il fashion heritage, la formazione,  le esposizioni e pubblicazioni sono attività che vengono realizzate dalla Fondazione  attraverso un programma di iniziative culturali, con lo scopo di diffondere e far conoscere attraverso il proprio patrimonio, la cultura della moda e del costume, il valore e la cultura del lavoro artigianale come investimento sul futuro della società per le nuove generazioni.
     
    La Fondazione è stata dichiarata luogo di notevole interesse storico/culturale dall‟ANAI - Associazione Nazionale Archivistica Italiana -, che in collaborazione con la Direzione Generale per gli Archivi, la Direzione Generale dei Beni Librari, gli Istituti Culturali e il diritto d’autore e la Direzione Generale per l'innovazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ha avviato un progetto per ottenere una conoscenza degli archivi e delle altre fonti di storia della moda e avviare il loro recupero, studio e valorizzazione.
     
    La Fondazione Annamode si trova in Via Vittor Pisani 1E, sotto i Musei Vaticani.
captcha

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

Fondazione Annamode
00136 ROMA (RM) ITALIA
VIA VITTOR PISANI, 1/E
TEL (+39) 06 39720253
Fondazione Annamode
00136 ROMA (RM) ITALIA
VIA VITTOR PISANI, 1/E
TEL (+39) 06 39720253
captcha

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

FacebookYoutubeInstagram
Non hai ancora un account? Registrati ora!

Accedi al tuo account